4 volte Napoli! Poker all’Udinese, quarta vittoria e primo posto

Poker del Napoli all’Udinese che vale il primato in classifica in una Serie A che sembra sempre più equilibrata ed imprevedibile. I partenopei si confermano padroni dopo la grande prestazione contro il Leicester e stendono i friulani con le reti di Osimhen, Rrahmani, Koulibaly e Lozano.

“Dobbiamo stare con i piedi per terra. Sappiamo che abbiamo fatto una grande vittoria su un campo difficile per tutte le squadre – il capitano Insigne sul primo posto in classifica – Sul gol assegnato a Osimhen? Non fa niente, l’importante è che abbiamo vinto”

Simpatico giallo sul primo gol azzurro che vede il nigeriano “scippare” il gol proprio ad Insigne con una zampata sulla linea dopo il pallonetto del capitano. Un vantaggio arrivato dopo 10/15 minuti dove il Napoli non aveva ancora preso in mano il pallino del gioco, per poi dominare per tutti i novanta minuti.

“Mi è piaciuta prestazione della squadra, com’è stata in campo, la personalità che ha avuto, l’atteggiamento. – Spalletti analizza il match – Poi è chiaro che ci vogliono anche delle giocate, come quella di Insigne che mette palla dentro con un pallonetto da 20 metri. Poi il gol di Lozano, la personalità di Koulibaly”

È un Napoli che gira in tutti i suoi interpreti e nella gara di Udine si sono esaltati in tanti, dallo scatenato Osimhen al comandante Koulibaly passando per il talento di Fabian. Confortanti segnali sono arrivati da Mario Rui, Rrahmani e Lozano osservati speciali.

“Kalidou quando va in attacco poi crea danni agli avversari ogni volta con la sua grande personalità – Spalletti sulle grandi prestazioni dei singoli – Fabian si è ammorbidito sul 3-0, ma fino a quel momento ha mosso il pallone come solo chi ha la sua classe ed è padrone del ruolo. Lui in quel ruolo ci può stare alla grande”

Giovedì si vola a Genova per affrontare una Sampdoria in palla capace di fermare l’Inter e per questo da non sottovalutare. Spalletti potrebbe contare su qualche rientro dall’infermeria dove scalpitano i vari Ghoulam, Mertens, Lobotka e Demme. Si inizierà a rivedere per primi Ciro e il centrocampista slovacco più probabilmente contro il Cagliari domenica sera al Maradona.

UDINESE (3-5-2): Silvestri; Becao, Nuytinck, Samir; Molina (41′ st Soppy), Arslan (27′ st Samardzic), Walace, Pereyra (19′ st Makengo), Stryger Larsen (27′ st Zeegelaar); Pussetto, Deulofeu (19′ st Beto). Allenatore: Gotti.

NAPOLI (4-3-3): Ospina; DI Lorenzo, Rrahmani, Koulibaly, Mario Rui (41′ st Zanoli); Anguissa, Fabian Ruiz (36′ st Ounas), Elmas; Politano (26′ st Lozano), Osimhen (36′ st Petagna), Insigne (26′ st Zielinski). Allenatore: Spalletti.

ARBITRO: Manganiello di Pinerolo

MARCATORI: 24′ pt Osimhen (N), 35′ pt Rrahmani (N), 7′ st Koulibaly (N), 39′ st Lozano (N)

NOTE: Ammoniti: Samir, Molina (U), Mario Rui (N). Recupero: 1′ pt, 3′ st.