Bologna-Napoli ci pensa Osimhen. Gattuso contro tutti!

“A Napoli sto sentendo troppe polemiche e troppi maestri. Qua bisogna lavorare. Per mesi mi avete chiesto perché non passavo al 4-2-3-1, poi sbaglio una partita e si parla di nuovo di 4-3-3. Ognuno deve fare il suo, poi la responsabilità è mia e se sbaglio me ne vado a casa, ne pagherò io le conseguenze”

Un infastidito Rino Gattuso ai microfoni di Sky incalza il giornalista ad ogni domanda rispondendo in maniera piccata e provocatoria. Il mister azzurro rispedisce al mittente con orgoglio le accuse di un approccio poco convincente nelle ultime gare.

Gattuso punta il dito soprattutto sull’ambiente di Napoli, dove media, opinionisti e quant’altro giocano a fare i “professori”, “maestri”. Il tecnico calabrese rivendica le proprie scelte, e fa notare che le occasioni da gol nelle due uniche sconfitte (sul campo) degli azzurri, non sono mancate.

Anche contro il Bologna gli azzurri hanno creato tanto e per 75 minuti la partita è stata dominata, ma è mancato il colpo del k.o.

“Negli ultimi 15-20 minuti li abbiamo messi in difficoltà, purtroppo non abbiamo fatto gol nonostante una bella occasione – Mihajlovic guarda il bicchiere mezzo pieno – stasera abbiamo creato meno ma anche sofferto meno soprattutto in difesa nonostante il Napoli avesse giocatori forti”

Bisogna segnalare l’operato non convincente dell’arbitro Pasqua che in linea generale lascia correre troppo lasciando nel taschino cartellini pesanti. Schouten e Dominguez graziati, andavano espulsi entrambi per doppia ammonizione.

Il Var annulla il raddoppio a Koulibaly perché nell’azione c’è un tocco di mano di Osimhen. Ineccepibile la decisione, ma il contatto tra il nigeriano e Denswil desta qualche dubbio. Qualche minuto dopo è molto evidente la trattenuta su Koulibaly in area, e in questo caso ne Pasqua nel il Var concedono il rigore.

Nel complesso l’intera squadra ha giocato un’ottima partita, Lozano e Bakayoko sono stati i migliori per distacco. El Chucky imprendibile sulla destra e autore dell’assist per Osimhen, ha giocato per la squadra ripiegando quando serviva. Bakayoko una diga a centrocampo, fondamentale per giocare con quattro attaccanti senza rischiare troppo.

“Sono andati in tribuna perché ieri hanno fatto delle gran passeggiate – Gattuso sulla tribuna di Mario Rui e Ghoulam – li ho portati perché è troppo facile stare a casa sul divano, sono venuti per farli stare con la squadra. Domani torneranno, senza rancori si va avanti”

Oggi alle 15:30 il dibattito in Corte d’Appello per il ricorso su Juventus-Napoli con De Laurentiis che dirà la sua in video call. Se la decisione non sarà favorevole al Napoli, allora la battaglia legale andrà avanti, con il terzo grado al Coni.

BOLOGNA (4-2-3-1): Skorupski; De Silvestri, Danilo, Tomiyasu, Denswil (25′ st Vignato); Schouten, Dominguez (17′ st Svanberg); Orsolini, Soriano, Barrow, Palacio. Allenatore: Mihajlovic.

NAPOLI (4-2-3-1): Ospina; Di Lorenzo, Manolas, Koulibaly, Hysaj; Ruiz, Bakayoko; Lozano (31′ st Politano), Mertens (31′ st Zielinski), Insigne (38′ st Elmas); Osimhen (38′ st Petagna. Allenatore: Gattuso.

ARBITRO: Pasqua di Tivoli.

MARCATORI: 23′ pt Osimhen (N)

NOTE: Ammoniti Dominguez, Danilo, Schouten (B); (N). Recupero: 5′ st.