Calciomercato Napoli. Mertens e Milik entrambi via?

Mertens rinnova o va via? Milik sulle orme di Quagliarella e Higuain? Icardi, Immobile o Azmoun? I tifosi partenopei iniziano a interessarsi al prossimo mercato del Napoli, in attesa che la Serie A riparta. I dubbi della ripartenza del campionato si sommano a quelli delle trattive azzurre.

La situazione più calda è certamente quella di Dries Mertens alle prese con un rinnovo che stenta ad arrivare. Ciro, come è ormai ribattezzato dai tifosi, sembrava ad un passo dalla firma prima dello stop del campionato, poi è cambiato tutto. L’offerta di De Laurentiis è pari a dieci milioni di euro, bonus alla firma compresi, per due stagioni, ma il belga ora vuole altre garanzie: la costruzione di una rosa più competitiva e l’annullamento della causa sui diritti di immagine da parte della società verso i calciatori. Due nodi cruciali che non hanno ancora trovato una apertura nel patron azzurro. Le alternative a Mertens non mancano e Chelsea e Inter sono sempre più vicine. Le offerte economiche dei londinesi e dei neroazzurri sono più vantaggiose rispetto a quella del Napoli, un aspetto da considerare a questo punto della carriera. A 33 anni potrebbe firmare il suo ultimo contratto importante, d’altro canto c’è la storia fatta e da fare ancora con il Napoli. 121 gol e record, al pari di Hamsik, come maggior marcatore azzurro certificano il legame con questi colori.

Se la questione multe e cause non è all’ordine del giorno per De Laurentiis, potrebbe esserlo il calciomercato e le varie trattive. Una rivoluzione iniziata a gennaio con gli arrivi di Lobotka, Demme, Politano e quelli promessi di Petagna e Rrahmani, destinata a proseguire con tante partenze a fine campionato. C’è anche Jose Callejon, oltre Mertens, a fine contratto e a meno di clamorosi dietrofront non dovrebbe rinnovare, trasferendosi in Spagna, al Valencia probabilmente. Saluteranno Castel Volturno anche Younes, Llorente, il rientrante Ounas, Lozano, Allan, e Arek Milik.

Sul centravanti polacco è noto l’apprezzamento della Juventus di Sarri. I bianconeri dovranno sostituire il sicuro partente Higuain, e nella lista dei soliti Icardi e Kane è spuntato a sorpresa il nome di Milik. Un profilo differente dai top player da sempre trattati da Paratici, che lascia intuire un ridimensionamento economico e una probabile riconferma del tecnico ex Napoli. De Laurentiis non scende sotto la richiesta di 50 milioni e le contropartite tecniche offerte dalla Juventus (Bernardeschi, Romero, Rugani) non scaldano gli azzurri.

Non ci sarà l’offerta di cento milioni di euro ricevuta dal Manchester United per Koulibaly in estate, e rimandata al mittente, ma De Laurentiis ha deciso di cedere il centrale senegalese. Koulibaly partirà dopo una stagione molto complicata, a conferma di una rifondazione a 360 gradi da parte della società. Il monte ingaggi del Napoli respirerà senza i pesanti questi pesanti ingaggi, ma dal punto vista della competitività sarà come ricominciare da zero. Restano certezze tecniche importanti, quali Insigne, Zieliński e Fabian, una base per un nuovo ciclo targato Gennaro Gattuso.

Allora i vari Icardi, Cavani e persino Immobile sono nomi da escludere? L’argentino, corteggiato per anni dal presidente azzurro, non ha mia espresso una volontà di trasferirsi all’ombra del Vesuvio. Il sogno di ogni sessione di mercato, Edison Cavani, ha avuto mille abboccamenti con De Laurentiis ma alla fine non si è trovato mai un accordo economico. Se per questi due top-player l’ingaggio è stato ed è il problema fondamentale, per Ciro Immobile il discorso è differente. Lotito non è assolutamente intenzionate a cedere il suo attaccante principe, e trattare con la Lazio si sa non è mai cosa semplice.

Sardar Azmoun, il classe ’95 dello Zenit, non scalderà i cuori partenopei ma, ad oggi, sembra il profilo più fattibile per il Napoli. L’ivoriano potrebbe approdare alla corte di Gattuso per poco meno di 30 milioni di euro.