Il Napoli c’è! Politano stende il Milan. Rigore? Pasqua dice no

Dopo quattro anni il Napoli torna vincitore da San Siro battendo il Milan con un gol di Politano e riapre la corsa al quarto posto. L’ex Inter regala mezzo Scudetto ai neroazzurri mandando il diavolo a meno nove dalla capolista.

Gli azzurri stanno recuperando a poco a poco tutti i pezzi svuotando l’infermeria ed inizia a vedersi una squadra più solida e convinta. La condizione fisica dei vari Mertens, Osimhen, Koulibaly, Fabian, Demme, al rientro da qualche settimana dopo infortuni e Covid, continua a migliorare.

Così nello scontro diretto contro il Milan si è rivisto in buona parte il Napoli che mise sotto l’Inter in quello stesso stadio, uscendo però sconfitto. La banda Gattuso segue lo spartito e riesce a cambiare pelle durante il match, dominando fino al vantaggio per poi abbassarsi senza concedere nulla agli avversari.

La prima settimana tipo, con quasi la totalità del gruppo a disposizione, fa ben sperare anche se non mancano delle criticità. In fase realizzativa gli azzurri lasciano ancora sul campo troppo e non chiudere le partite può essere dannoso quando sei costretto a vincerle tutte.

La buona prestazione ma soprattutto la vittoria poteva essere vanificata se il direttore di gara Pasqua avesse deciso di concedere il penalty sul contatto Bakayoko-Theo Hernandez. L’arbitro, che in generale non ha disputato la sua miglior partita, è stato richiamato alla review dal Var Mazzoleni ma ha deciso che il rigore non c’era.

La leggerezza, l’impetuosità, la scarsa concertazione del Bakayoko poteva costare cara ed è un problema perché si ripete. Il centrocampista francese aveva già “regalato” un penalty agli avversari per un intervento simile e nel pareggio contro il Sassuolo in extremis c’è il suo zampino.

Alla fine il Napoli porta a casa tre punti fondamentali per restare a ridosso della zona Champions e come si sa vincere aiuta a vincere. Dieci punti nelle ultime quattro gare ed un altro scontro diretto domenica contro la Roma prima della pausa per le nazionali.

Nel match dell’Olimpico i partenopei perdono Di Lorenzo per squalifica ma tornano a disposizione Manolas e soprattutto Lozano, che prima dell’infortunio era il più in forma dei suoi per distacco.

MILAN (4-2-3-1): Donnarumma; Dalot, Gabbia, Tomori, Theo; Tonali, Kessie (68′ Meite); Castillejo (59′ Saelemaekers), Calhanoglu (59′ Diaz), Krunic (59′ Rebic); Leao (78′ Hauge). Allenatore: Pioli.

NAPOLI (4-2-3-1): Ospina; Di Lorenzo, Maksimovic, Koulibaly, Hysaj; Fabian, Demme (80’ Bakayoko); Politano (80′ Rui), Zielinski (75′ Elmas), Insigne; Mertens (58′ Osimhen). Allenatore: Gattuso.

ARBITRO: Pasqua di Tivoli.

MARCATORI: 49′ Politano (N)

NOTE: Espulso Rebic (M) al 92′ per proteste. Ammoniti: Hernandez (M); Maksimovic, Di Lorenzo (N). Recupero: 1′ – 5′