Il Napoli vince la battaglia di Firenze. Lozano e Rrahmani regalano la settima

Sette su sette per il Napoli di Spalletti che espugna anche Firenze in una partita dure e combattuta, ma vinta in rimonta grazie all’ennesimo gol con schema su palla inattiva.

“Gli ho detto di fare quella punizione lì perché lo stesso l’ha fatto il Dortmund e il nostro analista ce l’ha fatta vedere – Spalletti spiega come è nato il gol di Rrahmani – Era facile da fare e abbiamo detto di batterla così. Di solito le palle inattive le cure Baldini, è poi chiaro che se ne parla tutti e la fase offensiva l’analizza Calzona, questa ce l’ha detta Simone”

I partenopei tengono botta alla pressione degli avversari fino al vantaggio di Quarta che, come uno schiaffo, scuote la banda Spalletti. Il Napoli da quel momento inizia a rischiare la giocata e si spinge in avanti creandosi l’occasione del calcio di rigore.

Il solito Osimhen lanciato negli spazi viene abbattuto da Quarta guadagnandosi il penalty che Insigne si fa parare da Dragowski. Il capitano si avventa sulla respinta e, a palla libera, anticipa di testa il portiere che respinge di lato dove arriva Lozano che tira una bomba sotto la traversa e gonfia la rete.

Gli azzurri macinano calcio e nella ripresa vanno in vantaggio con Rrahmani grazie allo schema su punizione. Dopo l’1-2 il Napoli va vicino due volte al colpo del k.o. che manca clamorosamente prima con Osimhen e poi con Elmas.

Così la Fiorentina di Italiano prende coraggio e prova l’assalto finale con quattro punte. Spalletti invece cambia arretrando i suoi mettendo un mediano in più facendo uscire il capitano che non la prende bene: “Insigne mi ha detto che ne aveva ancora ed io ne terrò presente, la prossima volta lo faccio giocare di più.” Dopo la reazione a caldo Insigne, che denota un grande voglie di essere protagonista, rientra nei ranghi ed è il primo ad incitare i compagni.

“Abbiamo sofferto qualche volta, ma ci eravamo procurati la situazione per andare sul 3-1 e in maniera clamorosa non l’abbiamo sfruttata – l’analisi di Spalletti sulla prestazione – Bisogna migliorare perché va portata a casa qualche partita veramente sofferta. Questa un po’ lo è, ma non l’hai proprio strappata, l’hai meritata, l’hai risicata però c’era la possibilità di far meglio”

La Serie A ci sta regalando un campionato avvincente con il Milan che è davvero una bella squadra, l’Inter mai doma e la Juventus che arriva. Ma è il Napoli che comanda con la settima vittoria consecutiva!

FIORENTINA (4-3-3): Dragowski; Odriozola (32′ st Benassi), Milenkovic, Quarta, Biraghi; Bonaventura (32′ st Kokorin), Pulgar (20′ st Torreira), Duncan (32′ st Maleh); Callejon (13′ st Sottil), Vlahovic, Nico Gonzalez. Allenatore: Italiano.

NAPOLI (4-2-3-1): Ospina; Di Lorenzo, Rrahmani, Koulibaly, Mario Rui; Fabian Ruiz (39′ st Mertens), Anguissa; Lozano (13′ st Politano), Zielinski (13′ st Elmas), Insigne (25′ st Demme); Osimhen (39′ st Petagna). Allenatore: Spalletti.

ARBITRO: Sozza di Seregno

MARCATORI: 28′ pt Quarta (F), 38′ pt Lozano (N), 2′ st Rrahmani (N).

NOTE: Al 38′ pt Dragowski (F) respinge un rigore a Insigne (N). Ammoniti Quarta, Bonaventura, Pulgar (F); Anguissa, Rui, Demme (N). Recupero 1′ pt e 4′ st.